L’azienda americana Sideshow conferma il proprio amore ed interesse per il mondo videoludico e ci propone, quasi a sorpresa, Nathan Drake indiscusso protagonista dell’altrettanto indiscusso e fantastico game “Uncharted” prodotto dalla software house Naughty Dog. Questa splendida realizzazione prende spunto dal terzo ed ultimo capitolo fino ad ora prodotto che narra, come di consuetudine, le vicende di questo giovane avventuriero presunto discendente dell’esploratore Sir.Francis Drake. 

In via del tutto eccezionale la rubrica ”L’angolo di Freddy” vi fornirà in via informale punti di vista e opinioni molto personali di Freddy, collezionista da oltre 25 anni. Per recensioni e analisi più tecniche, oggettive e con gallerie fotografiche molto dettagliate vi rimandiamo alla sezione recensioni di itakon.

La statua, realizzata nel 2013, appartiene all’ormai vastissima linea delle Premium format e lo standard è decisamente rispettato: scala 1/4, resina e vestiti rigorosamente in stoffa.

10583823_10203782678039557_7026014766554787121_n

La base dalla forma circolare è molto semplice ed è sufficientemente dettagliata. Il terreno sabbioso ed il muretto di pietra fanno da cornice all’incredibile agilità del personaggio che con estrema dinamicità si appresta ad  “aggredire” e a superare con successo l’ostacolo che si pone di fronte al suo cammino. Il lavoro scultoreo degli artisti americani è decisamente buono, non esaltante e la pittura rende abbastanza veritiera l’ambientazione ricreata. Altrettanto buone le sfumature che non garantiscono però l’effetto voluto e  che rendono decisamente “plasticosa” la sabbia ai piedi Di Nathan.

Decisamente ottima la qualità dei vestiti che come annunciato in precedenza sono completamente in stoffa. Il lavoro di sartoria è pressoché perfetto e pantalone e T-shirt vestono perfettamente. In particolar modo la maglietta, dal tessuto elastico, aderisce ottimamente al corpo atletico del personaggio mettendone in risalto l’invidiabile prestanza fisica. L’effetto”sporco” è meravigliosamente ricreato e dona un indiscusso fascino alla statua. Peccato per il pantalone che appare molto più lindo e che andava, a mio avviso, maggiormente sporcato all’altezza degli scarponi. Bellissimo,infine, il foulard da applicare intorno al collo che risulta facilmente modellabile grazie alla consueta anima di metallo cucita al suo interno.

Il corpo, completamente in resina, ci mostra pochissime parti in vista che si riducono agli avambracci ed alla testa. La scultura delle vene è ottimamente riprodotta e rende incredibilmente realistico lo scorrere del sangue. La mano destra impugna la pistola mentre quella di sinistra si appoggia sul muretto di pietra, fungendo da fulcro allo slancio del personaggio. La pittura delle mani non è di certo eccezionale e mostra purtroppo qualche sbavatura di colore sul “confine” mano-pistola e mano-muretto. Peccato davvero. Le sfumature sono al contrario ben ricreate e ci offrono un colore realistico della pelle.

La testa è davvero un’opera d’arte, ottimamente scolpita e ben proporzionata. La pittura dona un’incredibile realismo alla pelle e ci mostra un Nathan decisamente abbronzato. Bellissima e assolutamente sorprendente per realismo la barba incolta, che si intona alla perfezione con lo spirito selvaggio del personaggio. Le sfumature sono ottime e ben realizzate. Peccato solo per l’assenza di qualche chiazza di sporco che avrebbe accentuato maggiormente l’aggressività del giovane esploratore e che avrebbe donato maggior credibilità a tutta la scultura. L’espressione del viso è fedelmente riprodotta e ben curata e ci mostra uno sguardo concentrato ed attento tipico del personaggio.

Gli scarponi, infine sono ben scolpiti e dettagliati. L’ottima pittura ricrea alla perfezione l’effetto consumato della scarpa ma anche in questo caso denunciamo la scarsa presenza di quello sporco che avrebbe ulteriormente impreziosito quest’ottima produzione.

Divertente ed appagante potere “intervenire manualmente” applicando catenina, fondina, tracolla e borsello sul corpo di Nathan operazione questa che ovviamente non richiede particolare attenzione né particolare destrezza manuale. Una certa cura ed eleganza nel disporre gli accessori deve pur sempre essere mantenuta e deve garantire e confermare ulteriore dinamicità al personaggio.

Per concludere quindi,un acquisto obbligato per tutti gli amanti della saga e soprattutto per coloro che amano quel genere di statue piene si di stoffa ma decisamente alternative a quanto il mercato ci propone di solito. Una piccola riflessione: Dead Space (ampiamente criticato), Kratos, Tomb Raider hanno raggiunto quotazioni decisamente importanti. Questo Nathan Drake percorrerà la stessa strada?  Vedremo, solo il tempo sarà un valido testimone.

Come sempre buona visione a tutti voi!