Nel bizzarro mondo del collezionismo accadono cose strane. A volte inquietanti, a volte si tratta di mosse scorrette nei confronti dei collezionisti da parte dei produttori. Altre volte si tratta di semplice confusione e indecisione su come procedere. Altre volte è semplicemente accontentare proprio i collezionisti.

Non sappiamo esattamente in quali di questi scenari si colloca l’oggetto di questa recensione, il nostro Balron Lune Rene, spectre della serie di Hades, da I cavalieri dello Zodiaco.

Il fatto è che da qualche anno la serie Myth Cloth si è evoluta in EX Cloth, i personaggi hanno acquistato qualche centimetro in altezza, le proporzioni sono migliorate e la posabilità ha guadagnato dagli snodi migliorati dell’armatura.

Eppure, parallelamente al mercato EX Cloth, i Myth Cloth non hanno mai smesso di essere prodotti, e nuovi personaggi sono stati realizzati, soprattutto quelli appartenenti alla serie di Hades. Strana linea di condotta, considerato che alcuni spectre sono stati rivisitati in chiave EX Cloth, e allo stesso modo i tre giudici sono in procinto di essere immessi sul mercato. Ma allora perchè produrre l’ennesimo spectre nella linea più vecchia Myth Cloth e non inserirlo direttamente nella EX Cloth?

La risposta cattiva è “tanto poi lo realizziamo anche li e i collezionisti li comprano entrambi”…, mentre la risposta alla quale noi vogliamo appigliarci e che ci auspichiamo, invece, è che molti collezionisti sono rimasti legati alla serie classica, e non sono passati allo step successivo EX, per motivi sentimentali, o per motivi tecnici (le doll degli EX senza armatura non sono armoniose, ne realistiche), e/o in alcuni casi per motivi economici (gli EX in teoria sarebbero più costosi…).

Resta il fatto che questo Balron Rene viene incluso nella linea classica Myth Cloth, e il Complete Set recensito di seguito, seppur trattandosi di un eccellente prodotto, non è proprio la gioia del portafogli di qualsiasi collezionista. Vediamo dunque di analizzarlo.

Un brown box include le scatole di due Myth Cloth, ovvero quella dello spectre vero e proprio in armatura, e quella che contiene invece le vesti da giudice.

Nella scatola dell’armatura troviamo tre blister che contengono la doll e tutte le parti, comprese quelle che compongono il totem del personaggio.

La scatola delle vesti del giudice contiene due blister in cui troviamo il tavolo, la sedia, il libro sacro e alcuni accessori, più un sacchetto che contiene la tunica. Come si può notare, purtroppo, questa scatola non contiene alcuna doll, per cui di fatto non è possibile far indossare alcun abito a nessuno, e sarà necessario avere anche la scatola dello spectre, per avere a disposizione la doll completa. Ecco dunque il difetto principale di questa scatola, che in pratica non può essere acquistata da sola se non si è in possesso di almeno una copia dello spectre. Inoltre, pur acquistando questo Complete Set, non si può dire davvero che sia completo poichè, di fatto, non è possibile esporre contemporaneamente il personaggio nelle vesti di giudice o spectre.

Nonostante questi particolari non proprio esaltanti della confezione, notiamo subito il carisma del personaggio, una volta vestito, e la regalità del diorama, composto dal tavolo finemente decorato ed evocativo, e dalla sedia abbinata in maniera impeccabile. Le proporzioni risultano gradevoli e ben azzeccate, e nel complesso, grazie anche alla serie di accessori in dotazione, come il libro (chiuso e aperto), il martello e la campana, la scena acquista un grande impatto visivo una volta posizionato il giudice al suo posto.

La tunica si veste con facilità e, nonostante la stoffa sia un pò troppo rigida, con un pò di pazienza la si riesce a far indossare in maniera armoniosa. Anche il posizionamento del libro sotto l’ascella richiede un pizzico di impegno per via della mano su cui si poggia semplicemente, ma non si incastra.

Il posizionamento del sacerdote sulla sedia invece ci è parso abbastanza semplice, per via della solità eccelsa posabilità della doll e per l’abito che non intralcia la seduta. Anche l’agganciamento delle mani unite non ha creato particolari problemi.

L’effetto finale è ineccepibile, davvero strepitoso.

La frusta è inclusa solamente nella scatola dello spectre, e non del sacerdote.

Decisamente standard invece la confezione dello spectre, che come sempre contiene l’ottima e posabilissima doll, i pezzi dell’armatura (praticamente tutti in metallo ad eccezione dei copri-mano e dell’elmo), le parti che compongono il totem e le parti opzionali intercambiabili (mani e volti), oltre alla frusta in doppia versione, snodata e fissa.

Il personaggio senza armatura, seppur appartenendo alla linea classica Myth Cloth, e quindi non avendo spalle e collo innaturalmente allungate, presenta stranamente delle mani semi-aperte esageratamente grandi, mentre per il resto la figure è ottimamente realizzata.

Il totem, come sempre impegnativo nel montaggio, anche se non tra i più complessi, rappresenta egregiamente l’essenza dell’armatura dello spectre, e la sua colorazione nera/violacea dona eleganza e regalità. Curioso il posizionamento delle gambe che si agganciano alla base ma non al corpo, al quale vanno semplicemente avvicinate.

La frusta dovrebbe essere posizionata seguendo perfettamente la circonferenza della base, noi non ci siamo riusciti, per via della scivolosità della base stessa e della estrema snodabilità della frusta.

Infine lo spectre vero e proprio, si realizza montando i pezzi dell’armatura sulla doll, con estrema facilità e senza fatica, dato che tutte le parti si incastrano perfettamente senza intoppi, anche senza consultare le istruzioni se si ha un minimo di esperienza con questi modelli.

Nel complesso il personaggio è ottimamente realizzato: i colori non mostrano alcuna sbavatura, la brillantezza e l’accoppiamento del nero e viola sono ben riusciti; le proporzioni sono armoniose; le ali, seppur discretamente grandi, non destabilizzano in maniera eccessiva la figure che si mantiene facilmente in equilibrio grazie anche alla solidità degli snodi.

I volti sono ben riusciti e permettono di rappresentare al meglio la posa che si vuole far prendere al personaggio.

La posabilità è ottima, anche se non siamo naturalmente al livello dei Myth EX, poichè quì alcuni snodi vengono limitati dall’armatura, come ad esempio il busto, le anche e le spalle. E’ comunque possibile posizionare il personaggio anche in pose particolarmente estreme, anche se può tornare utile uno stand con braccio mobile (non incluso nella confezione) per mantenere l’equilibrio.

In definitiva questo spectre è egregiamente realizzato, e si affianca perfettamente a tutti gli altri usciti finora nella linea Myth Cloth; non presenta alcun difetto di rilievo e nel complesso la sua armatura, ricca di spuntoni e particolarmente coprente, è tra le più carismatiche della serie.

Altro discorso invece va fatto per la scatola con le vesti da giudice, che ci ha lasciati perplessi per via della mancanza della doll, cosa che fa si che il rapporto generale qualità/prezzo del prodotto non sia alla portata di tutti.
Nome: Balron Lune Rene Complete Set – Myth Cloth
Produzione: Bandai
Scala: non in scala
Anno di pubblicazione: 2017
Tiratura: Limited/Exclusive
Prezzo di listino: 15120 yen

Pro:
– il diorama del giudice è spettacolare;
– armatura quasi interamente in metallo;
– molto carismatico;
– posabilità ottima;

Contro:
– manca la doll nella scatola del giudice;
– l’elmo indossato appare riduttivo

Voto Finale: 8/10