Splendida pubblicazione della nota ditta Megahouse: Arlong.
L’uomo pesce, riprodotto in scala 1/8, approda nella famosa linea P.O.P. – Portait of Pirates dedicata alla famosissima serie “One Piece“.

Arlong √® confezionato in un box gigantesco (forse uno dei pi√Ļ grandi distribuiti finora), con un’ampia finestra sul fronte che mostra la figure per intero con tutti i suoi gadget e caratterizzato da toni di rosso scuro con macchie nere, che contrastano le immagini dell’uomo pesce con la sua pelle celeste chiara.

Estratto dal box e posizionato sulla base possiamo notare come ormai Megahouse abbia abbandonato il suo precedente stile nella scelta delle pose delle figure. Arlong viene egregiamente riprodotto in posizione da battaglia pronto a sferrare un attacco contro chi si trova davanti. Le gambe piegate, la camicia che si solleva al movimento, la folta chioma incurvata che segue il movimento della testa cos√¨ come le vene che si gonfiano sui muscoli, mostrano un’accurata veridicit√† e dinamismo nel movimento. Pecca tuttavia la scelta di questa posizione, in quanto nasconde alcuni particolari: il viso risulta troppo coperto e in parte non viene percepita per bene la differenza di altezza e stazza muscolare che il personaggio ha nei confronti di un comune essere umano.

Forse √® per ovviare a questa mancanza di proporzione che la casa nipponica inserisce come gadget la spada dentata che Arlong utilizza durante la battaglia con Rufy (o forse no), tuttavia l’aggiunta √® apprezzata, cos√¨ come la scelta degli altri tre gadgets presenti.
Un punto forte di questa statica √® infatti la possibilit√† di essere esposta in differenti modi: con la spada gi√† citata, un braccio di ricambio con mano aperta per poter inserire una delle due fila di denti (e per i pi√Ļ esigenti la mano sinistra √® anche posizionabile a 360¬į), un viso con la bocca aperta e denti aguzzi gi√† in ricrescita e un altro cappello.

Ottima la scelta degli accessori quindi, ma totalmente errato lo studio dell’incastro per la testa. MegaHouse decide di tornare al perno a sfera che dona mobilit√† all’arto da inserire, ma che risulta decisamente troppo visibile.

Un vero peccato se si considera la cura nei dettagli del resto della statica, davvero ben riprodotti, tant’√® che lo scultore ha mostrato un’elegante e sopraffina cura nel distribuire un prodotto che rasenta la perfezione, tanto da farle meritare il titolo della statica pi√Ļ fedele nel panorama delle P.O.P. perch√© anche la colorazione, e relativa gradazione, risulta molto fedele, ed √® doveroso sottolineare che le sbavature visibili di seguito sono dettati dal caso, poich√® il modello in analisi risulta essere (purtroppo) meno preciso di molti altri visionati attraverso fotografie pubblicate in rete e pezzi esposti ammirati di persona.

La conclusione √® quindi che questa statica appartenente all’egregia linea P.O.P. sia assolutamente un gioiello di prim’ordine, che non pu√≤ mancare nella collezione di un vero amante di “One Piece”, sia perch√© risulta essere decisamente superiore rispetto alla riproduzione di Bandai, sia perch√© si tratta di una statica di grande qualit√† meritevole di rispetto che, nonostante l’attacco della testa faccia storcere il naso, conferma la bravura della scultore, che gi√† si era fatto notare con la belle riproduzioni di Marco e Gekko Moria.

Nome: Arlong
Produzione: Megahouse
Scala: 1/8
Anno di pubblicazione: Agosto 2012
Tiratura: Standard
Prezzo di listino:  8925 Yen

Pro:
– Fedele al 100% con l’aspetto del personaggio;
– colorazione di ottima fattura;
– possibilit√† di differenti opzioni per l’esposizione.

Contro:
– scelta della posa;
– l’incastro della testa.

Voto Finale: 9/10